Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Questo sito consente i cookie di terze (legati alla presenza dei “social plugin”).
Cliccando su “OK ” si acconsente all'uso dei cookie. Cliccando su "Info" si legge l'informativa completa.

Folk

Folk

 
I vecchi temi della vita del paese, ricchi di fascino e di suggestione, rivivono ancora oggi attraverso i balli, le musiche e i canti, riproposti dal gruppo di ballo tradizionale e dai "tenores". Nato nel 1984, il gruppo folk Benetutti, affermatosi ben presto sia in Sardegna che all'estero, da inizio alla sua attività con un'accurata indagine sul costume popolare, sui balli e sulle musiche del paese, affiancato subito dopo dalla formazione dei "tenores", un coro esclusivamente vocale che sostituisce egregiamente la musica strumentale e che spesso accompagna le esibizioni del gruppo folk. Nel costume tradizionale l'abbigliamento femminile presenta una maggiore varietà; si distingue infatti il costume delle donne appartenenti al ceto popolare o destinato all'uso quotidiano e l'altro appannaggio delle famiglie più ricche.
Soprattutto in quest'ultimo si riconoscono le influenze spagnole per la presenza di una ricca giacchina "su zippone" che copre completamente la camicia, messa, invece, in evidenza nel costume popolare, in cui risulta ulteriormente impreziosita da una fila di bottoni d'argento sui bordi delle maniche. Il costume maschile non si discosta dagli altri presenti in tutto il territorio; anch'esso, comunque, presenta una distinzione tra quello appartenente al ceto medio e quello nobiliare. Nel primo, il corpetto "su cosse" è realizzato in velluto liscio "belludu lisiu", con variazioni di colore dal nero al bordeaux, il secondo è in velluto operato "belludu piccadu", con prevalenza del colore viola.
Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter